Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
transparency
trainwithmaxlogobianco
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
CrossFit-Royston-barbell

Analisi video 2D con Kinovea

2020-09-29 15:28

Massimiliano Maola

Glutes' Lab, Runner' Labs, Trainwithmax,

Analisi video 2D con Kinovea

Oggi vi parlo di un software fondamentale per la mia attività di Preparatore Atletico (in realtà mi torna utile anche nel Personal Training).Durante g

Oggi vi parlo di un software fondamentale per la mia attività di Preparatore Atletico (in realtà mi torna utile anche nel Personal Training).


Durante gli allenamenti con i sovraccarichi siamo spesso focalizzati sulla quantità di kg gestita ma la nostra attenzione deve essere rivolta anche verso la velocità del sollevamento o la corretta esecuzione del gesto.


Ad esempio, l’incremento della velocità di esecuzione - a parità di carico ovviamente - è un chiaro segnale che i progressi tanto cercati sono finalmente arrivati, i muscoli hanno guadagnato in forza e l’allenamento risulta essere più efficace. 


Per calcolare questo parametro - e molti altri - ci sono vari metodi: ci possiamo avvalere di sensori (in uno dei prossimi articoli vi mostrerò il funzionamento di quello che abitualmente uso) ma anche di alcuni software (a pagamento ma anche in versione free).


Il software – open source -  che normalmente utilizzo mi consente sostanzialmente di analizzare, con l'ausilio del PC, i video degli allenamenti con la possibilità di utilizzare alcuni tools grafici per evidenziare traiettorie, movimenti del corpo, movimenti e velocità degli attrezzi (bilancieri, kettlebell, manubri), misurare tempi e prendere annotazioni testuali e grafiche direttamente sul video analizzato.


Nella post produzione – passatemi il termine – rielaboro il video dell’allenamento inserendo appunto traiettorie, angoli, velocità di esecuzione, cronometro, note, commenti e griglie: il fine è quello di analizzare e condividere il tutto direttamente con l’autore del gesto o movimento.


Perché?


Una cosa che mi è assolutamente chiara dopo tanti anni di allenamento è che la percezione di me stesso – o meglio di ciò che faccio – durante la pratica, non corrisponde alla realtà.


Mentre eseguo uno stacco, uno slancio, o semplicemente uno squat, mi rendo spesso conto di taluni errori ma tanti altri “difetti” non vengono recepiti dalla mia mente, soprattutto quelli che eseguo in automatico da anni.


Ed ecco che allora una pratica libera, cosciente, ragionata e volta al raggiungimento di obiettivi è fondamentale per potersi analizzare, correggere e migliorare. Per migliorare bisogna prima di tutto prendere coscienza dei nostri errori.


Altra funzione importante è la possibilità di salvare fotogrammi chiave o sequenze video che riportano tutte le analisi fatte.


Ultima nota di rilievo è quella di poter mettere a confronto due video sincronizzandoli su uno specifico fotogramma e permetterne un’analisi comparativa in slow o fast motion.


Quasi dimenticavo, il software in questione è Kinovea!


Per collaborazioni su Roma e Castelli Romani scrivimi in DM.
 

190530lvsusecasesquat022-1601386099.jpg
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder