Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
transparency
trainwithmaxlogobianco
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. 
CrossFit-Royston-barbell

Atteggiamenti posturali che determinano un atteggiamento curvo in avanti, con i muscoli del dorso in stirament

2019-12-08 17:16

Massimiliano Maola

Trainwithmax,

Atteggiamenti posturali che determinano un atteggiamento curvo in avanti, con i muscoli del dorso in stiramento completo ma cosa succede?

L’esperienza clinica ha potuto rilevare che, se un muscolo lavora abitualmente in maniera incompleta, si assiste ad una retrazione ( e un irrigidimento ) vera e

news12-1581291568.pngnews13-1581291568.png

Le ore passate in macchina, davanti allo schermo dello smartphone o, piuttosto, i ciclisti che praticano per ore il loro amato ( e bello ) sport: tutti atteggiamenti posturali che determinano un atteggiamento curvo in avanti, con i muscoli del dorso in stiramento completo ma cosa succede?
Ci viene in aiuto la legge della plasticità muscolare o legge Borelli Weber Fick che afferma che "La lunghezza delle fibre è proporzionale al raccorciamento ottenuto dalla loro contrazione, e questo raccorciamento è circa uguale alla metà della lunghezza delle fibre".
Ciò significa che se, ad esempio un muscolo ha fibre della lunghezza di 4 cm., si potrà accorciare di 2 cm. Allo stesso modo, se un muscolo si può accorciare di 2 cm., significa che le sue fibre hanno una lunghezza di 4 cm.
L’esperienza clinica ha potuto rilevare che, se un muscolo lavora abitualmente in maniera incompleta, si assiste ad una retrazione ( e un irrigidimento ) vera e propria della sua parte contrattile, a vantaggio della parte tendinea. Come si deduca dalla legge di Borelli e Weber Fick, infatti, la riduzione dell’accorciamento delle fibre, comporta una riduzione della loro lunghezza.
Sperimentalmente, l’esperienza è stata compiuta, originariamente su un tendine del calcagno di un coniglio: il tendine è stato sezionato ed inserito più internamente allo scopo sperimentale di ridurre l’ampiezza di movimento del calcagno ad opera del gastrocnenmio. Ebbene, dopo un certo periodo di tempo, si è assistito ad una retrazione della parte contrattile del gastrocnemio, a vantaggio dei suoi tendini di inserzione. 
Numerosi sono gli esempi nell’uomo, che confermano questo esposto.
Tipico è il cosiddetto dorso curvo di forza, presente in soggetti che abitualmente svolgono lavori o attività in atteggiamento curvo in avanti, con i muscoli del dorso in stiramento completo: essi modificano la loro struttura anatomica e funzionale, nel senso che la parte contrattile dei muscoli dorsali si riduce di lunghezza, e la loro capacità di contrazione si riduca proporzionalmente, impedendo la realizzazione di un raddrizzamento totale della colonna vertebrale. Un meccanismo simile entra in gioco in tutte le deformazioni.

news12-1581291568.pngnews13-1581291568.png
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder